Translate on your language!

venerdì 8 febbraio 2013

Quattro domande di una vaghezza da incubo a Emanuele Cisi


EMANUELE CISI

NATO A: TORINO (PIEMONTE)
STRUMENTO: SASSOFONO



Cosa significa la musica per te?

Ciò che mi ha probabilmente salvato  da un esistenza infelice. Mai pensato di poter fare altro nella vita, fin da piccolissimo.

Cosa provi suonando il sax?

Prima di tutto se l'ancia è buona! No, perchè se non è buona è un disastro, la vita va a rotoli! E poi,  è molto un feeling fisico, di risonanza interiore, di vibrazione, di sentirsi circondato da un suono. Attraverso questo, cerco di arrivare all'annullamento totale, a non pensare proprio più a nulla...che è il vero obbiettivo per poter davvero improvvisare.


Cosa è il Piemonte per un Piemontese?

Boh? A me la mia città piace molto, ma soprattutto perchè spesso ne sono lontano. Diciamo che mi piace crogiolarmi in una saudade “sabauda”. Ma davvero... mi sento sicuramente più a casa a New York, con cui ho un legame fortissimo e antico, dato che mia nonna Anita vi nacque nel 1912, figlia di una cantante ballerina che mai conobbe. Poi ritornò in Italia a 15 anni, e io sono cresciuto con i suoi racconti dei grattacieli in costruzione, del ferry che prendeva al sabato col suo papà che la portava dal New Jersey al ristorantino che lui gestiva a Manhattan. E insomma,... è da lì sicuramente che arriva il mio corredo genetico musicale! E quando sono stato la prima volta a NY è davvero stato come “tornare” a casa.

Perché hai scelto il Jazz?

È lui che ha scelto me. L'ho scoperto prestissimo, intorno agli 11, 12 anni e nel migliore dei modi: dal vivo. Primo concerto: Max Roach 4tet, secondo – la sera dopo – Art Blakey Jazz Messengers. Mica bruscolini, insomma! E poi, negli anni immediatamente dopo, tutti i giganti: Dexter, Bill Evans con Philly Joe Jones, Pharoah Sanders, Freddie Hubbard, Dizzy, Sonny Rollins, ecc. Ho subito capito che quella era l'unica musica che avrei voluto suonare.

2 commenti:

  1. Saverio Sodano8 febbraio 2013 18:27

    Tanto vago non è stato, le domande forse si, le risposte proprio no....

    RispondiElimina
  2. Hai ragione Saverio! Nulla di vago, nelle risposte. Abbracci! D&D

    RispondiElimina